Escursione invernale al Rifugio Carestiato

Rifugio Bruto Carestiato d’inverno : una passeggiata tra le meravigliose cime del sistema 3 Dolomiti Unesco

 

Una delle più belle escursioni invernali  che si possono fare nei dintorni di Agordo è sicuramente quella al Rifugio Bruto Carestiato, ai piedi della maestosa Moiazza, che offre uno spettacolare panorama sulla conca Agordina dal “Col dei Pass“.

Il rifugio da molti anni è una meta ben conosciuta e molto frequentata in estate per l’Alta Via N. 1 delle Dolomiti e da chi ama le ferrate e le scalate : da qui infatti parte la famosa Ferrata Costantini una delle più difficili per lunghezza e difficoltà ma anche una delle più belle definita appunto la “super ferrata delle Dolomiti”.

In inverno è possibile salire, con le ciaspe e i bastoni da neve ma anche con scarponi invernali ed eventualmente ramponi leggeri perché molto spesso la strada è ben battuta da Diego Favero, ottimo gestore del rifugio.

L’ escursione invernale si fa seguendo la strada carrareccia N. 554 CAI, che parte qualche tornante dopo il passo Duran venendo da Agordo ( si consiglia di parcheggiare sul passo) ed è abbastanza “dolce” e permette anche ai bambini di salire con una certa facilità.

 

 

Prima di partire consultate sempre le previsioni meteo  ( ArpaVeneto meteo ) e lo stato della neve in loco sui siti locali (  ArpaVeneto ) e per ulteriori informazioni su aperture del rifugio  verificate il sito https://www.rifugiocarestiato.com/

 

La strada carrareccia N. 554 CAI

 

Verso il gruppo del Tamer San Sebastiano

 

Rifugio Bruto Carestiato

 

La splendida Moiazza , Patrimonio dell’Umanità Unesco

 

Ferrate e AltaVia n. 1

 

Verso la conca Agordina

 

Verso il Passo Duran

Informazioni tecniche di accesso

 

Percorso :   Facile –  Prima di partire, come per ogni escursione sia invernale che estiva, verificate sempre le previsioni meteo.

Altitudine Rifugio :1834 m · Da Passo Duràn (1608 metri ) per la Casera Duràn (segnavia CAI 549)

(fonte CAI Agordo)

Potete trovare tante altre informazioni sul Rifugio Bruto Carestiato sul sito ufficiale

lascia il tuo commento