UN SALTO NEL TEMPO.... LA LINEA DELLA VALSUGANA IN AGORDINO

Di Alberto Bertini

Capita spesso nei film di vedere improvvisati scienziati che costruiscono macchine per andare indietro nel tempo: anche nelle Dolomiti Agordine, con un pò di fantasia, si può fare un salto di centinaia di milioni di anni. La Valle Imperina, ove sono ubicate le miniere omonime e quelle di Vallalta, è impostata su una delle strutture più importanti dell’intero arco alpino: si tratta della Linea della Valsugana, una struttura geologica che, proprio nell’Agordino mette a contatto rocce diverse e formatesi in tempi molto lontani tra loro.

Salendo dalle miniere verso l’imbocco della Galleria Santa Barbara e al Pozzo Capitale, si incontrano rocce dolomitiche appartenenti alla formazione geologica della Dolomia Principale avente un’età di circa 223 milioni di anni. La si osserva molto bene risalendo la valle nella zona della cascata artificiale dove sono state convogliate le acque del T. Imperina per evitare allagamenti nella zona mineraria.

Nei pressi si possono anche notare delle striature che indicano il movimento avvenuto nelle rocce in questa zona.

Scendendo invece lungo il versante sinistro della valle, le rocce del cosiddetto Basamento Metamorfico hanno un’età di oltre 500 milioni di anni e sono state trasformate circa trecento milioni di anni fa durante il sollevamento di una vecchia catena alpina in quel processo che i geologi chiamano Orogenesi Ercinica, quando le dolomie che oggi caratterizzano il nostro territorio erano ancora ben lungi dall’essersi formate.

Con i grandiosi fenomeni legati al sollevamento dell’attuale catena alpina il blocco settentrionale (Agordino) si è sollevato di varie centinaia di metri su quello a sud (Monti del Sole, Piz de Mezodì) mettendo così a contatto rocce diverse tra loro e formatesi a milioni di anni di distanza.

Attraversando la Valle Imperina allora, passando da un versante all’altro si può compiere un salto temporale nelle ere geologiche passate.
Si spera che questo breve percorso dai forni delle miniere alla Galleria Santa Barbara possa essere sistemato per essere di nuovo fruibile come un tempo.

lascia il tuo commento